Musei insoliti in Sicilia

La Sicilia non è soltanto una delle regioni italiane che può vantare bellezze naturali spettacolari, come l’arcipelago delle Egadi o delle isole Eolie, con perle quali l’Isola di Favignana oppure l’Isola di Lipari. Infatti, in passato, l’isola vide fiorire numerose civiltà importantissime a livello storico, tra cui: greci, ottomani e normanni.

Approfittando delle tante offerte per le vacanze in Sicilia sarà possibile apprezzare sia gli splendidi luoghi naturali sia le tracce di storia antica importantissime. Ne sono una testimonianza diretta i numerosi musei che popolano l’isola siciliana, alcuni dei quali riescono a catturare maggiormente l’attenzione rispetto ad altri per via del loro carattere insolito.

Tra marionette, costumi e matematica

Non tutti sanno che a Palermo, capoluogo della Sicilia, tra i tanti musei presenti c’è anche il museo internazionale delle marionette. Come suggerisce il nome, si tratta di un edificio artistico-culturale famoso non soltanto nella città palermitana ma anche nel resto d’Europa, senza dubbio una tappa immancabile per ogni visitatore in vacanza nella città di Palermo per un weekend.

Un altro museo che prende alla sprovvista è quello che sorge nel centro del comune di Scicli, nei pressi di Ragusa: il Museo del Costume. Una volta entrati all’interno del museo, ci si ritrova catapultati indietro nel periodo storico che va dagli anni ’30 agli anni ’50, un’intera epoca segnata da bellissimi abiti, il cui fascino rimane intatto anche a distanza di tutto questo tempo.

Greci, ottomani e normanni, i tre popoli che – come accennato nell’introduzione – hanno segnato la storia passata di questa isola. Ma in Sicilia ci sono stati anche i romani. Una delle loro innumerevoli presenze è testimoniata a Noto, piccolo comune della provincia di Siracusa, che ospita un museo ricavato dalla Villa Romana del Tellaro, dove vengono attestati alcuni mosaici della villa che risale alla tarda età imperiale romana.

Particolare di un mosaico della Villa Romana del Tellaro
Particolare di un mosaico della Villa Romana del Tellaro

Prima dei romani, però, la Sicilia fu dominata dai greci, che la chiamarono Magna Grecia. Uno dei tanti geni della civiltà greca fu Archimede, nato a Siracusa. Alla sua figura è dedicato il Tecnoparco Museo di Archimede, presso la sua città natale, che raccoglie le idee più rivoluzionarie del genio matematico siracusano.

Satiro danzante, saline e acciuga

La connessione tra Sicilia e Grecia non è solo a livello prettamente scientifico ma anche – soprattutto – a livello artistico. La città di Mazara del Vallo ospita il Museo del Satiro danzante, una delle opere della cultura ellenistica più famose, presente sulla maggior parte dei libri di letteratura artistica greca.

Continuando il tour tra i musei più insoliti della Sicilia, una posizione di rilievo è da attribuire al Museo delle Saline, sito a Trapani. Luogo meraviglioso, dove le montagne di sale baciate dal sole restituiscono uno scenario da favola per tutti coloro che decidono di visitare il più museo della città di Trapani.

Il museo delle Saline a Trapani
Il museo delle Saline a Trapani

Ma le stranezze non sono finite qui. Infatti, a Sciacca c’è il Museo del Sapone, un edificio costruito interamente sulla storia di un oggetto tanto piccolo quanto conosciuto. Tra i musei più stravaganti della Sicilia, infine, merita una menzione d’onore il Museo dell’Acciuga, sito nella frazione di Aspra (comune di Bagheria), dove il titolare riesce a catturare l’attenzione di centinaia di visitatori ogni mese con aneddoti e curiosità sulla storia dell’acciuga.