La cartina dell’Emilia Romagna è costellata di tappe imperdibili, cose da fare e da vedere, attività che spaziano dall’esplorazione naturalistica dell’entroterra e dei colli, delle sue città più amate come Bologna, Parma, Modena o Ferrara. Ma anche delle coste, che regalano gioie di giorno in pieno sole e quando la vita notturna si accende, come nei pressi di Rimini, nelle località di Milano Marittima, per notti all’insegna del relax e del divertimento. Partiamo insieme alla scoperta di questa regione e di cosa visitare in Emilia Romagna.

Le spiagge più belle

Dire Romagna significa pensare subito a spiagge dorate, stabilimenti a misura di bambino, feste fino all’alba, calda ospitalità e prezzi decisamente accessibili. La Riviera Romagnola è da sempre sinonimo di vacanza, soprattutto se, vi interessa la vita in spiaggia. La prima cosa da visitare in Emilia Romagna sono proprio le spiagge. Tra il profumo della piadina romagnola nell’aria, una festa continua, eventi internazionali che colorano il cielo di aquiloni, borghi magnifici a un passo dalla costa e alcune delle spiagge più belle della Costa Adriatica: sono questo – e molto altro – le spiagge della Romagna, la meta estiva per eccellenza in Italia.

1. Lidi di Comacchio, Ferrara

Tra le spiagge della Romagna, ci sono indubbiamente Lido di Volano, Lido delle Nazioni, Lido di Pomposa, Lido degli Scacchi, Porto Garibaldi, Lido degli Estensi, Lido di Spina. Sono i bellissimi Lidi di Comacchio, che per circa 25 chilometri si allungano tra la provincia di Rovigo e la provincia di Ravenna, impreziosendo la costa adriatica di spiagge dorate, riserve naturali e acque cristalline.

2. Marina Romea, Ravenna

Una continua alternanza di stabilimenti attrezzati e grandi tratti di spiaggia libera fanno della lunghissima spiaggia dorata di Marina Romea una delle località di mare della Romagna più ambite, incastonata come una gemma tra la foce del Lamone e il lido di Porto Corsini. Poi ci sono le dune di sabbia e la bellissima pineta a impreziosire il paesaggio, un luogo ideale per gli amanti delle vedute da cartolina by the sea, e per le famiglie che, senza troppe strategie d’orario, possono facilmente ritagliarsi il proprio spazio vista mare. Una volta qui non perdetevi l’occasione di visitare la Piallassa della Baiona, un’area naturale salmastra e protetta di grande fascino dove incontrare flora e fauna speciali.

5. Pinarella, Cervia

Una delle spiagge più belle della Riviera Romagnola dove la stagione estiva viene inaugurata ogni anno, in primavera, con le forme e i colori del divertente Festival Internazionale dell’Aquilone, è la graziosa Pinarella di Cervia. Oltre 200 stabilimenti balneari, bandiere verdi e free wi-fi beach fanno di questo tratto di costa il posto giusto per una vacanza di mare a tutta tecnologia e sicurezza.

6. Spiaggia di Levante, Cesenatico

Una delle località romagnole più apprezzate dal turismo italiano e internazionale è Cesenatico, caratterizzata da una bella cittadina da esplorare, dalla presenza del caratteristico Porto Canale Leonardesco e da una lunga spiaggia talmente ben organizzata con le sue file di ombrelloni da sembrare disegnata da un artista. Tantissime poi gli stabilimenti a misura di bambino e le aree aperte al gioco dei quattro zampe.

7. Bellaria Igea Marina, Rimini

La provincia di Rimini è una delle più rinomate in fatto di villeggiatura e spiagge e questa ridente località della Romagna ne è la prova vincente. L’allegra animazione degli stabilimenti attrezzati si alterna alla tranquillità dei tratti liberi. Quella di Bellaria è una spiaggia accessibile anche agli amici a quattro zampe grazie.

8. Spiaggia di Riccione, Rimini

Riccione non ha certo bisogno di presentazioni.  Le opportunità di visita di questa vivace località di mare sono davvero tante grazie al suo popolare Viale Ceccarini dove il profumo della piadina romagnola nell’aria e le feste sulla sabbia fino a tarda notte vi faranno sentire sempre al settimo cielo, buon divertimento viaggiatori!

9. Spiaggia di Cattolica, Rimini

L’ultimo tratto romagnolo prima delle Marche è quello di Cattolica, una località balneare che fa rima con vita da spiaggia e vacanze in famiglia. La sua grande e lunga spiaggia di sabbia dorata è protetta dal mare grosso da barriere frangiflutti che non solo ostacolano le grandi onde permettendo di fare piacevoli bagni in tutta sicurezza, creando un paesaggio davvero interessante. 

Emilia Romagna On the Road

Quando si parla di Emilia Romagna, non si può inoltre non pensare alla Via Emilia, la storica strada che assurge a simbolo di una regione intera, tratteggiandone il carattere, le molteplici anime, le voci e i colori. Rimini, Riccione e Cesenatico colpiscono con la loro vita notturna ma anche con la bellezza dei loro profili che si specchiano sull’acqua. E cosa dire di Bologna, amatissima da chi la sceglie come città universitaria ma anche per chi decide di esplorare questa terra ospitale in lungo e in largo. Vediamo insieme allora cosa visitare in Emilia Romagna sulla Via Emilia.

1. Rimini, Riccione: i luoghi felliniani.    

Rimini e Riccione sono indubbiamente due città della costa romagnola ormai consacrate nel mito. Luoghi e suggestioni felliniani per eccellenza, movida fino a tarda notte, locali e discoteche, spiagge colorate, affollate. Due località balneari che hanno conquistato il podio internazionale del turismo, anche in inverno. Mete davvero imperdibili, ottime occasioni per immergersi in un viaggio dove non manca proprio nulla: dal mare al divertimento, dalla Dolce Vita allo shopping. 

2. Santarcangelo di Romagna: il fascino di un borgo racchiuso tra le colline romagnole 

Santarcangelo di Romagna è un borgo ricco di storia e tradizione in cui poter godere del tipico stile di vita romagnolo, di uno dei più suggestivi panorami sulla costa di Rimini e dell’ottimo cibo locale. E se il buon cibo è una costante italiana e dell’Emilia Romagna in particolare, i paesaggi e le storie che potrete incontrare in queste valli meritano sicuramente qualche giorno di visita.

3. Castrocaro Terme e il tour vitivinicolo 

Il nostro viaggio alla scoperta lungo la via Emilia procede dritto e spedito, raggiungendo Castrocaro Terme in provincia di Forlì, il noto Centro termale già in uso presso Etruschi e i Romani, famoso per le sue preziose e salutari acque sulfuree e i fanghi naturali. Tra le colline adiacenti non si può non menzionare la rinomata tradizione vitivinicola: dal Sangiovese al Trebbiano passando per l’Albana. 

4. Cibo e Motori tra Spilamberto e Modena

Ed eccoci a Modena, città simbolo della tigella, dell’aceto e delle meravigliose auto da corsa. La prima tappa dove vi consigliamo di soffermarvi è il paese di Spilamberto, un bellissimo borgo sito sulla nota Strada dei Castelli, luogo dove ha sede il Museo dell’Aceto Balsamico Tradizionale e paese simbolo del nocino. Nasce a Spilamberto l’Ordine del Nocino Modenese che ha lo scopo di promuovere e valorizzare il Nocino. Ci rimettiamo in viaggio per raggiungere Maranello, la cittadina che ogni appassionato di motori conosce bene. Ferrari e Maserati, non serve aggiungere altro a questa città che non ha davvero bisogno di presentazioni. 

5. L’elegantissima Parma 

Siamo arrivati a Parma, un’elegantissima città ducale ricca di arte, storia e bellissime architetture, città dalla bellissima vita aristocratica. Ma Parma è anche la città più dedita alla musica dell’intera Emilia Romagna: qui sono nati infatti personaggi del calibro di Giuseppe Verdi ed Arturo Toscanini. Visitare Parma significa quindi cogliere questi suoi molteplici aspetti: l’arte delle sue chiese ed i suoi bellissimi teatri uniti con un’ambientazione da aristocratica capitale europea.

Chissà se, se tra le cose da visitare in Emilia Romagna, avete già visto qualcosa e se siamo riusciti a incuriosirvi un po’…