Vacanze in Sicilia: i luoghi più belli visitati dal Commissario Montalbano

Il Commissario Montalbano l’eroe uscito dalla penna di Andrea Camilleri è conosciutissimo dal pubblico italiano sia per i libri che per la serie televisiva, che torna anche in questo mese di novembre nel quale vengono trasmessi 4 episodi.

La trasmissione sul piccolo schermo, oltre a far conoscere i personaggi dei libri mostra anche una serie di luoghi particolarmente apprezzabili della Sicilia, che sono i set dei vari episodi. Vediamo quali sono i luoghi del Commissario Montalbano che possono essere scelti come mete di vacanza.

La casa di Salvo Montalbano, a Marinella

La casa di Marinella, che nella realtà si trova a Punta Secca, una frazione di Santa Croce Camerina, è ormai divenuta famosissima, meta di turisti e semplici curiosi. La sua caratteristica principale resta l’ampio balcone sul quale il commissario si beve il caffè, pranza con Livia o con altre donne o con i suoi colleghi del commissariato, e si gode i bellissimi tramonti.

La spiaggia di Montalbano e la sua casa sul lungomare a “Marinella”, piccolo villaggio di Puntasecca nella Sicilia meridionale

Punta Secca si trova nella zona di Ragusa Ibla, ed è immortalata in tantissime scene, così come i suoi dintorni fatti di terra brulla e di oliveti. Qui si possono effettuare delle belle passeggiate sulla spiaggia che appare sempre deserta, e sulla quale il commissario approda dopo le sue lunghe nuotate.

Il palazzo del Comune di Scicli

La nuova location degli uffici del commissariato si trova proprio nel Municipio di Scicli, che è quindi meta di molte gite turistiche e che presto dovrebbe vedere la parte con gli uffici dei personaggi principali trasformata in un museo.


Vista panoramica di Scicli, Ragusa, Sicilia

Oltre alle scene girate nel Municipio, in questa città barocca caratterizzata dalla presenza di molte opere architettoniche, altre sono state riprese a Palazzo Iacono, dove è ambientata la sede della Questura, e nelle vie della cittadina, fuori città il Castello di Donnafugata è la location scelta per rappresentare la casa blindata dove Montalbano si reca più volte a parlare con il boss mafioso Balduccio Sinagra. Sempre nelle vicinanze Villa Criscione, la masseria fortificata, location dove è collocata l’abitazione dell’ingegner Luparello, e l’Eremo di Santa Giuliana, un ex convento cinquecentesco.

Le passeggiate barocche

La trasmissione televisiva degli episodi del Commissario Montalbano ha dato lo spunto per una iniziativa denominata Le passeggiate barocche, camminate storiche che permettono, grazie alla conduzione di due autentici cultori del genere, Paolo Nifosì, professore e storico dell’arte, e Uccio Barone, storico e docente universitario.

Vecchi edifici nella città di Modica

Le passeggiate barocche sono nate 20 anni fa e in un primo momento si svolgevano solo a Scicli, per poi ampliare il loro raggio e comprendere anche le altre città iblee come Modica e Ragusa. Del tutto “gratuite”, danno la possibilità di entrare nella storia e di vedere anche molti luoghi che sono stati set del Commissario Montalbano.

Nello scorso agosto ne sono state organizzate 5, in tutte le città, e si proseguirà anche il prossimo anno, per la felicità dei turisti che si trovano in quella zona della Sicilia in agosto, o che la raggiungono appositamente.

La Sicilia di Montalbano

Andrea Camilleri ha dato nomi di fantasia ai luoghi nei quali sono ambientate le sue storie, ma non è difficile individuare i nomi reali.

Le bianche scogliere della Scala dei Turchi a Porto Empedocle

Vigata, sede del commissariato, è nella realtà Porto Empedocle, luogo di nascita dello scrittore, mentre Montelusa, sede della Questura, è Agrigento, dove Camilleri ha frequentato le scuole. Il nome di fantasia Fiacca si accomuna sicuramente a Sciacca, così come Fela a Gela e Raccadali a Raffadali.

La Sicilia custodisce autentici tesori paesaggistici che aspettano solo di essere scoperti. Consulta la sezione Offerte last minute in Sicilia per scoprire il miglior prezzo per il tuo prossimo viaggio!