Vista di Firenze dopo il tramonto da Piazzale Michelangelo

Toscana da scoprire in un weekend: i consigli per non sbagliare

Tra le regioni più affascinanti d’Italia vi è sicuramente la Toscana, terra ricca di storia, di paesaggi che restano indelebili negli occhi di chiunque e che è capace di conquistare anche i palati più esigenti. Pensare di catturarne l’essenza in un solo week-end è impossibile, ma anche in un lasso di tempo così breve si può scoprire molto di questa regione, tanto da rimanerne ammaliati.

Paesaggio della Toscana visto dalle mura di Montepulciano

Cosa vedere in Toscana in un week-end: primo giorno

Sicuramente un tour in Toscana che duri anche soltanto lo spazio di un week-end non può che iniziare da Firenze: sicuramente in un sol giorno non è possibile scoprire tutto quello che questa splendida città, culla del Rinascimento italiano e non solo, ha da offrire, ma altrettanto certamente questo breve lasso di tempo basta e avanza per innamorarsene e ripromettersi di tornarci per dedicarle il tempo che merita.

Piazza del Duomo

Per capire quanto Firenze sia ricca da un punto di vista culturale, basta pensare al fatto che spesso anche chi vi abita è ignaro su alcuni tesori che essa custodisce. Detto questo, in un giorno a Firenze cosa si può vedere? Indubbiamente si può trovare il tempo per passeggiare in Pizza del Duomo e ammirare, sia dall’esterno che dall’interno, la Cattedrale di Santa Maria del Fiore ed il Battistero, senza ovviamente dimenticare il Campanile del Giotto.

Veduta aerea del Duomo di Firenze

Il Museo degli Uffizi

A breve distanza da tutti questi importantissimi simboli di Firenze, se ne trovano altri, a riprova dell’altissima concentrazione di cultura che questa città è capace di offrire. A pochi minuti di distanza si trovano infatti Piazza della Signoria, ove si erge il Palazzo Vecchio, uno degli edifici storicamente più importanti di Firenze e oggi sede del Comune. Infine, immancabile, vi deve essere una visita agli Uffizi, vero e proprio luogo di culto per chiunque ami l’arte o voglie venirvi a contatto.

Galleria degli Uffizi a Firenze

Cosa assaggiare a Firenze

Prima di lasciare la città e immergersi nella scoperta di altre realtà della Toscana, vale la pena provare la classica “bistecca alla fiorentina“, senza dubbio uno dei piatti simbolo non solo di Firenze, ma della Toscana in generale.

La tipica bistecca alla fiorentina

Cosa vedere in Toscana in un week-end: secondo giorno

Il secondo giorno del week-end alla scoperta della Toscana potrebbe essere in parte dedicato alla scoperta dell’area del Chianti, una delle più note d’Italia in tutto il mondo.

Il Chianti

In questo modo si ha la possibilità non soltanto di scoprire i luoghi dove si produce il vino, che è una delle eccellenze italiane, ma anche un paesaggio collinare che non può che rimanere nella mente e nel cuore di qualsiasi viaggiatore, anche quello che solitamente meno si fa conquistare dalle bellezze naturali.

Splendido paesaggio del Chianti

Se poi si aggiungono gli splendidi borghi medioevali che si trovano in questa zona della Toscana, ecco che anche il secondo giorno in Toscana diventerà ancora più indimenticabile. Rientrando in realtà urbane, risulta davvero complesso scegliere una città da visitare che faccia compagnia a Firenze.

Siena

Tra le tante la scelta potrebbe sicuramente cadere su Siena, che è un formidabile mix di cultura e di gastronomia. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto basti pensare alla tipica pasta senese fatta in casa. Siena è capace di catturare qualsiasi viaggiatore con la sua vitalità, dovuta alla presenza di un importante polo universitario, e con i suoi luoghi culturalmente affascinanti.

Piazza del Duomo, Siena

Tra i tanti si possono ad esempio citare il Duomo, da visitare assolutamente anche all’interno per gli affreschi che ospita. E alle spalle del Duomo si trova il Battistero, che per alcuni è il luogo di culto più importante della città. Merita del tempo anche il Museo Civico, che consente di scoprire in modo decisamente dettagliato la storia della città e non si può che terminare il week-end con una passeggiata in Piazza del Campo, luogo simbolo della città dove ogni anno si svolge il famoso Palio.